Thursday, May 14, 2009

Review: Fedora 11 su Acer Aspire One A150Bw

Avendo per le mani questo simpatico oggettino ho pensato di fare una piccola review di come si comporta con Fedora 11.

Le specifiche sono:
  • CPU: Atom N270
  • RAM: 1 Gb
  • HD: 120 Gb
  • Display: 8.9 pollici
  • Scheda video: Intel GMA 950

Il supporto hardware dato da Fedora 11 è eccellente: funzionano senza problemi il boot grafico con Plymouth e la risoluzione del pannello è quella nativa (1024x600); la wireless atheros è pienamente supportata dal driver ath5k, l'audio funziona regolarmente (forza pulseaudio!) e sia il microfono che la webcam si possono usare OOTB (Out Of The Box). L'unico problema riscontrato è nella dimensione di default dei font, troppo larghi a causa di un problema sul calcolo dei DPI, ma facilmente risolvibile dalla finestra System->Preferences->Appearance, premendo "Details..." nella tab "Fonts" e immettendo un valore adatto (ad esempio, 96).

Perfettamente funzionanti anche i vari tasti Fn (luminosità, volume) e il ciclo di sospensione/ibernazione

Devo dire che sono piacevolmente sopreso dai tempi di risposta dell'interfaccia grafica, e anche gli effetti 3D di compiz funzionano egregiamente.

Ora le cose che mi sono piaciute di meno: 600 punti verticali del pannello LCD sono chiaramente insufficienti per GNOME, così che molte dialog non sono completamente visibili (suggerimento: tenendo premuto Alt si può spostare la finestra senza selezionare la barra del titolo); è possibile che altri gestori di finestre funzionino meglio, magari la prossima volta proverò LXDE.


I tasti della tastiera sono un po' troppo piccoli, lavorando con il terminale non c'è verso di beccare il Tab al primo tentativo, idem per il backspace e l'asterisco.

Infine, i tasti del touchpad sono leggermente incassati rispetto alla superficie, spesso andando a cliccare il cursore si sposta proprio all'ultimo momento.